La zuppa della pioggia

Da qualche parte che non è Roma pioverà pure, ho pensato, magari vi potrebbe essere utile. Con lo stesso criterio ho costruito Fordinneris (https://fordinneris.blogspot.it/), il mio blog Cosa c’è per cena a casa mia, ora che mi sono trasferita in provincia di Piacenza.

Il mio essere romana non si disperderà nei campi della pianura padana o sugli argini di uno dei tanti fiumi che caratterizzano questa parte dell’Emilia dalla quale vi racconto. Sono cresciuta nel marmo della città eterna, mi lusinga il regno del maiale che mi ospita ma come potrete ritrovare nella zuppa della pioggia ho trovato un alternativa e sono convinta che condividerla sia il miglior modo di resistere alla nostalgia di Trastevere.

Il web ci terrà uniti. La grande rete ci consente di condividere esperienze e mantenere uno sguardo su cose e persone che sembrano essere lontane in termini spaziali ma non lo sono poi culturalmente. Anche a Roma ho sempre cucinato per tutti ed apprezzato il convivio più di qualunque altra esperienza, il mio blog vi permetterà di entrare nella cucina di un italiana che ha girato il mondo, ma è pur sempre una cucina di casa con piatti pensati per due o i suoi multipli. Ci saranno piatti, riferimenti e suggerimenti quindi non precisamente ricette. Le ricette sono ovunque grazie agli smartphone ed alle applicazioni, quello che spesso manca a chi si appresta a fare la spesa o a guardare nel proprio frigo è l’idea. Che ci faccio con tutti questi semi avanzati in credenza in un pomeriggio di pioggia?

Ora potreste dirmi che nella zuppa della pioggia è evidenziato che i legumi hanno cotto tre ore quindi chi ha tre ore di tempo? Nessuno? Pochi? Siamo solo in tre? Ma non ce l’hai una pentola a pressione in tutti quei meravigliosi elettrodomestici di cui hai riempito la cucina? Si c’è sono sicura è che non lo ricordavi più…come avevi dimenticato le lenticchie rosse comprate dall’indiano o le fave secche in attesa di raccogliere la cicoria nei campi. Tutte queste informazioni nella mente di un italiano ci sono e vi resteranno anche dovesse traslocare ai caraibi.

Ecco se dovesse piovere o nevicare a lungo e cercaste un’idea per cena provate a fare un giro sul mio blog e scoprirete cosa farei io che ho curato ricette per la Rai e per RomeCentral sin dagli inizi di questa testata.

Non vorrei dichiarare altro come in una partita di carte virtuale. Le mie discriminanti di scelta resteranno personali e scoprirete presto che sono onnivora ma non intransigente.

[yumprint-recipe id=’37’] 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.