ANATOMIA DI UN RISVEGLIO @ Teatro Porta Portese

“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari/ e fui contenta , perché rubacchiavano. / Poi vennero a prendere gli ebrei / e stetti zitta, perché mi stavano antipatici./ Poi vennero a prendere gli omosessuali,/ e fui sollevata, perché mi davano fastidio. Poi vennero a prendere i comunisti,/ ed io non dissi niente, perché non ero comunista./Poi continuarono a trucidare miliardi di innocenti,/ ma per me era normale , perché erano di altre specie. Un giorno se la presero con me,/ e non c’era rimasto nessuno a protestare.”

In scena al Teatro Porta Portese di Roma , purtroppo solo il 7 e l’8 novembre 2017, “Anatomia di un risveglioscritto da Barbara Mugnai: autrice che si rivela altresì brava ed emozionante nell’interpretazione del testo.

Uno spettacolo coraggioso, all’avanguardia… uno spettacolo antispecista, che costringe lo spettatore a un viaggio dentro se stesso alla ricerca delle motivazioni del suo inconsapevole agire . Convenzioni, abitudini, credenze vengono spazzate via alla luce di una logica stringente.
La “pillola rossa” di Matrix ancora una volta non tradisce, e riesce come grazie ad una bacchetta magica a svelare l’invisibile – seppur così evidente- sistema di conformismo al quale ci siamo assuefatti: l’Umano al di sopra di qualsiasi altro Vivente. Ma non è proprio così! “Anatomia di un risveglio” rimette in moto la nostra capacità di affrontare la realtà e di accogliere in noi le risposte che già conosciamo ma che non ci concediamo.

L’indicibile viene espresso in una forma “senza sconti” e all’uscita dal teatro non ci si può più nascondere dietro a una giustificazione, ad una frase fatta, alla banalità del vivere…. o alla banalità del Male. E’ uno spettacolo per coraggiosi, per uomini e donne liberi, per chi sceglie “la pillola rossa”. I protagonisti sono tutti coloro la cui vita “vale di meno”. Gli animali innanzitutto, gli abbandonati, i dimenticati, le minoranze, quelli che non hanno voce.
La vera sfida , per ciascuno di noi, è riconoscere come valore assoluto la Vita in sé. E decidere di difenderla, a chiunque essa appartenga.

Intervista di Dora Benigni a Barbara Mugnai

Dora Benigni

About Dora Benigni

Dora F. è nata e vive a Roma. A 20 anni comincia a lavorare come segretaria di redazione in un giornale periodico di politica ed economia alternando l’attività giornalistica a quella di cantante pop e di organizzatrice di sfilate di moda. Le esperienze di lavoro maturate nei settori della comunicazione la portano, negli anni, a dedicarsi alla promozione e diffusione delle tematiche animaliste attivando in rete - fin dal 2008 - finestre di visibilità nei social networks seguite da un grande numero di utenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.