COME PREPARARE BACCALÀ ALLA VICENTINA

Per preparare il baccalà alla vicentina, si parte dal baccalà secco chiamato stoccafisso che dovrà essere già ammollato da circa 3 giorni e asciugato per una notte.
Tritate le cipolla bianche e mettete le sarde in accqua per dissalarle
Metette le sarde dissalate in  una padella assiame alla cipolla ben tritata con un olio extravergine di oliva.
Cuocere a fuoco medio basso e ben mescolando per 50-60 minuti, dovrete ottenere una crema dal colore ambrato.
Prendete  o stoccafisso ben ammollato apritelo facendo attenzione che no nci siano le spine e mantenete intatta la pelle intatta e  conditedite con il sale grosso e un pizzico di pepe. Aggiungere al baccalà una parte della crema di cipolla ma solo su una metà spolverizzando poi con un velo di farina. Richiudere il baccalà come fosse un panino e poi tagliate in pezzi larghi 6/7 cm.
Mettere il baccalà  in un tegame e inserite la metà del composto cremoso di cipolle che è rimasto sul fondo . Meglio inserire i pezzi di baccalà in verticale nel tegame uno accanto all’altro.
Ricoprire con la restante crema e aggimgete  un poco di farina polverizzata e  un pizzico di sale grosso, il Grana o il parmiggiano  e sol odopo versiamo sopra il latte e l’olio a filo fino a coprire interamente il baccalà.
Cuocere il tutto per  4-5 ore a fuoco lento toccandolo il meno possibile.
a cottura ultimata unire infine del prezzemolo tritato, mescolate e servite.
La tradizionevuole che venga servito assiemaa delle fette di polenta

INGREDIENTI BACCALÀ ALLA VICENTINA

Baccalà Stoccafisso ammollato da circa 3 giorni: 1 kg
Cipolla biancha 300 g
Sarde sotto sale 40 g
Latte intero 180 ml
Grana Padano DOP o Parmiggiano Reggiano 20 g
Olio extravergine d’oliva 180 ml
Farina 00 q.b.
Sale grosso q.b.
Pepe nero q.b.
Prezzemolo q.b.

Video dello chef della Trattoria Da Palmerino di Sandrigo (VI) cucina il vero baccalà

CONFRATERNITA DEL BACALA’

Nel 1987 nasce a Sandrigo (Vicenza) la “Venerabile Confraternita del Bacalà alla Vicentina su iniziativa dell’avv. Michele Benetazzo che, in un momento di recessione della secolare tradizione del celebre piatto vicentino, ha l’idea di costituire un qualificato cenacolo di personaggi vicentini e non. Un sodalizio che “non sia soltanto dedito a riunioni conviviali, ma proteso a difendere la buona cucina locale”. Vengono indicati anche alcuni obiettivi primari da raggiungere, come la stesura della ricetta per la preparazione del Bacalà alla Vicentina, dare attestati ai ristoratori che si impegnino a servire con continuità il tipico piatto locale, allacciare rapporti con altre regioni italiane che hanno tradizioni culinarie legate allo stoccafisso, invitare esperti del settore nutrizionale per approfondire ricerche sulle antiche ricette del baccalà, oltre che sulle origini della pesca e del commercio del merluzzo nei secoli.

La sede della Venerabile Confraternita del Bacalà alla Vicentina, è in Via Ippodromo n. 9 a Sandrigo (VI) con la Pro Loco.
SIto web: https://baccalaallavicentina.it
La Confraternita del Bacalà alla Vicentina nata con lo scopo di salvaguardare e diffondere l’antica ed originale ricetta del “Bacalà alla Vicentina” che vanta oltre 400 anni, ha assolto con successo, nella sua vita trentennale, il suo compito con un’intensa attività organizzativa, filantropica e culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.