Hotel Gagarin, la recensione

Hotel Gagarin, opera prima per il regista Simone Spada, è un doppio film, se da un lato vengono rappresentate le caratteristiche della situazione economica italiana, corruzione, faccendieri, lavoratori squatrinati e pieni di debiti che faticano ad arrivare a fine mese con tutti il loro pregi e difetti umani, dall’latro ci parla della magia del cinema, del sogno che genera nelle persone quella che viene definita la settima arte .
Ed ecco quindi che il nostro cast di ottimo livello (Claudio Amendola, Luca Argentero, Giuseppe Battiston, Barbara Bobulova, Silvia D’Amico, Caterina Shulha e Philippe Leroy) fuggendo ognuno da propri problemi personali e insoddisfazioni della vita, si ritrova in Armenia per girare un’improbabile film, ma ecco che le riprese vengono interrotte dall’improvviso scoppio di una guerra ed i nostri protagonisti si ritrovano bloccati in quest’albergo isolato in una valle innevata, completamente abbandonati dal produttore che una volta intascati i fondi pubblici ha pensato bene di darsi alla macchia.
Indecisi tra il rimanere e lo sifdare i psoti di blocco dei soldati in guerra, le loro lunghe e noiose giornate vengono interrrotte dalla strampalata richiesta di un abitante di un villaggio vicino che gli chiede di poter essere il protagonista di un piccolo film che rappresenta il sogno della sua vita.
Una commedia divertente e molto poetica che merita di essere vista, per regalarsi una ventata di ottimismo in quest’italia dove veniamo sempre bombardati da tristi notizie.

 

Cinque italiani squattrinati e in cerca di successo vengono convinti da un sedicente produttore a girare un film in Armenia. Appena arrivati all’hotel Gagarin, un albergo isolato nei boschi e circondato soltanto da neve, scoppia una guerra e il produttore sparisce con i soldi. I loro sogni vengono infranti, ma nonostante tutto la troupe trova il modo di trasformare questa esperienza spiacevole in un’occasione indimenticabile, che farà ritrovare loro la spensieratezza e la felicità perdute.

Hotel Gagarin

Regia di Simone Spada
Con Claudio Amendola, Luca Argentero, Giuseppe Battiston, Barbora Bobulova, Silvia D’Amico.
Genere Commedia 
Italia, 2018
Durata 93 minuti.
Uscita cinema giovedì 24 maggio 2018
Distribuito da Altre Storie.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.