Moby Dick a Garbatella: l’hub culturale nel palazzo storico degli Ex Bagni pubblici

moby_dick2_rc

Tra una passeggiata e l’altra nel quartiere di Garbatella non è difficile notare, in prossimità del Teatro Palladium, un grande edificio con la scritta Ex Bagni Pubblici, in testa all’entrata.

bagni-pubblici-foto-depoca_rc

Lo stabile, di proprietà Ater, fu progettato e realizzato negli anni Venti dall’architetto Sabatini per ospitare servizi igienici pubblici. Nel corso tempo il piano terra dell’edificio in via Ferrati fu utilizzato come mobilificio, fino al 2012, per poi restare dismesso per diversi anni. Nel 2014, dopo la stipula di una accordo istituzionale tra Regione Lazio, Roma Capitale, Municipio Roma VIII, Laziodisu e Ater del Comune di Roma, in quanto proprietario dell’immobile, viene avviato un percorso partecipato, realizzato da Laziodisu e agenzia dei diritti Municipio Roma VIII con la partecipazione di centinaia di persone e realtà organizzate che definiscono un utilizzo partecipato per conferire nella struttura la nascita di un centro di documentazione storico territoriale.

Ora prenderà il nome di ‘Moby Dick‘ l’hub culturale e polifunzionale appena inaugurato che vuole segnare la rinascita di questo spazio, nel cuore storico di Garbatella, destinato a studenti e cittadini.

Tre diverse sale: sala studio, convegni, esposizioni e mediateca per consultazione, reading e attività culturali oltre ad una Biblioteca progettata dall’Università Roma Tre in rete con il circuito delle biblioteche universitarie e una scuola di lingua italiana per migranti: questo è Moby Dick.

“In un momento così, segnato da forti flussi migratori, candidiamo questo luogo a essere la Casa delle Culture”, ha detto Zingaretti.

Dove si Trova
Biblioteca Pubblica Moby Dick 
Via Edgardo Ferrati 3
00154 Roma
Quartiere Garbatella

Arianna Pasquale

About Arianna Pasquale

Giornalista, editor, copy writer si occupa di comunicazione dopo la laurea in Filosofia del Linguaggio e della Mente, a Napoli. Arrivata a Roma è stata per diversi anni caporedattore del mensile “Next Exit, creatività e lavoro” specializzandosi in economia della cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*