Rione II: Trevi

rioni_trevi_fontanaditreviIl centro di Roma è suddiviso in 22 ” Rioni ” ( distretti) . Questo ha la sua origine in epoca di Augusto , quando la città ei suoi dintorni sono stati divisi in 16 regioni . Tuttavia, solo nel corso del 18 ° secolo ha fatto la città di acquisire la sua attuale configurazione . Nel 1744 , ogni ‘ Rione ‘ stato assegnato un cuscinetto stemma araldico che è ancora visibile sui muri di molte strade del centro .

rioni_trevi_quirinaleTrevi è il secondo ‘ Rione ‘; Papa Benedetto XIV fondò nel 1743. Il suo nome deriva dalla parola medioevo ‘ Trivium ‘ che significa ‘ tre strade che attraversano ‘ , probabilmente questo ‘ trivio ‘ si trovava nel luogo in cui sorge oggi la fontana di Trevi . Il suo stemma araldico cuscinetto rappresenta tre pugnali parallele ( ‘ Misericordie ‘ ), su uno sfondo rosso , probabilmente con riferimento ai tre strade di attraversamento .
Trevi è considerato il ‘ Rione ‘ più laico perché include un certo numero di chiese minori rispetto agli altri , ma la maggior parte di loro sono di straordinaria importanza storica (S. Maria in Trivio , S. Maria in Via , S. Marcello al Corso .. . ) .

Il ‘ Rione ‘ Trevi comprende alcuni dei più famosi siti di Roma , come la Fontana di Trevi , via Barberini , Quirinale , via XX Settembre , parte di via del Corso .
 Questa parte di Roma fu abitata sin dal periodo imperiale romano, quando era una zona molto vitale piena di artigiani e palazzi ricchi. Aqua Virgo , un acquedotto romano costruito nel 19 AC , aveva la sua molla principale proprio sul sito del famoso ‘ trivio ‘. Questo acquedotto è rimasto attivo , grazie al lavoro di manutenzione durante tutto il Medio Evo , permettendo a questa zona ad essere abitata . E ‘stato completamente ristrutturato nel 1562 .

rioni_trevi_barberiniDurante il Medioevo , il ‘ Rione ‘ diventata piena di torri ‘ ghibellini ‘, simboli del potere delle famiglie più importanti , e la sua storia è strettamente legata a quella della famiglia Colonna che ha governato per molti anni in questa parte della città .

Nella seconda metà del XVI secolo , il Papa ha deciso di spostare la sua residenza ufficiale a questo ‘ Rione ‘ nel Palazzo del Quirinale e questo ha dato un grande incentivo a tutte le attività commerciali della zona , permettendo al ‘ Rione ‘ di diventare uno dei la più importante e vivace .

Durante questo periodo aveva abitanti molto importanti , uno di loro era Michelangelo Buonarroti , che qui morì in età molto antica (era 89 ) , solo e povero in una casa (non più esistente ) a Macel de ‘ Servi accanto a Piazza Venezia . Fu sepolto nel SS . Chiesa Apostoli ma il suo corpo è stato rubato durante la notte e portati a Firenze .

Dopo il 1870 , Trevi profondamente cambiato il suo aspetto a causa della demolizione di molti dei suoi edifici e la costruzione di nuove strade : via del Tritone , via Barberini e l’ Umberto I tunnel che collega via del Tritone con via Nazionale .

rioni_trevi_discesaquirinalOggi il cuore del ‘ Rione ‘ coincide con la famosa Fontana di Trevi , uno dei principali monumenti di Roma , che è la meta di migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo . Appoggiato a un lato di Palazzo Poli fu realizzata , nel 1751 , nel luogo dove l’acqua principale Aqua Virgo volato fuori . Ha sostituito una fontana precedente costruita nel 1450 durante uno dei restauri del acquedotto . La fontana rappresenta un carro a forma di conchiglia trainato da due cavalli lungo le rocce nel mare di guida , l’acqua che esce dalle diverse bocche sfocia in un grande serbatoio . E ‘una tradizione consolidata per i turisti di gettare una moneta nella fontana che desiderano tornare a Roma un giorno. E ‘stato anche il set di uno dei più importanti scene del film mai girato , sto parlando di Fellini ‘ La Dolce Vita ‘ , con un indimenticabile Marcello Mastroianni e Anita Ekberg che emergono dalle acque della fontana .

Sulla cima del colle Quirinale , non lontano da Fontana di Trevi , si trova Palazzo del Quirinale . Dal 1948 è la residenza ufficiale del Presidente della Repubblica italiana . E ‘stato costruito nella seconda metà del XVI secolo come residenza estiva del Papa , ma poco dopo divenne la residenza ufficiale del Papa e di iniziare nel 1870 la famiglia reale abitava .

 Non lontano da lì , in via 4 Fontane , c’è un grande cancello che nasconde uno dei più imponenti palazzi barocchi romani , Palazzo Barberini . E ‘stato costruito nel 1633 , per la famiglia Barberini , su un progetto fatto dai più famosi architetti dell’epoca : Bernini , Borromini e Maderno . Oggi è il sito di una delle sezioni del Museo di Arte Antica .

Alla fine di via 4 Fontane , c’è piazza Barberini , ma era già abitata in epoca romana imperiale , poi si è arricchita di giardini e ville nel corso del XVI secolo . Nel centro della piazza si trova la ‘ Tritone ‘ Fontana uno dei più famosi capolavori di Bernini commissionati nel 1643 da Papa Urbano VIII . Esso rappresenta quattro delfini alzando con la coda di un guscio di sopra del quale un Tritone soffia su un ‘ buccina ‘ ( un antico strumento musicale romano) rendendo l’ acqua caduta verso il basso . Sul lato della piazza , quasi nascosta , si trova un’altra delle fontane del Bernini ( Api Fontana ) . Realizzato dall’artista nel 1644 come omaggio a papa Urbano VIII . E ‘stato messo in questa piazza nel 1917 .
Oggi il ‘ Rione ‘ mantiene ancora la sua vocazione commerciale , che può essere visto chiaramente su via del Tritone e via del Corso , che sono piene di negozi che vendono ogni genere di cose .

 
Via del Corso

La storia di questa strada e il suo nome è molto complessa . Durante il periodo di Augusto si chiamava via Lata , nel medioevo questo nome si riferiva solo al pezzo dal Campidoglio a Piazza Colonna , mentre la parte restante , raggiungendo oltre la Porta del Popolo , è stato chiamato via Flaminia .

Nel XVI secolo, durante il periodo di carnevale , lungo questa strada corse di cavalli si tennero da Piazza del Popolo a oggi piazza Venezia , da allora la strada è stata chiamata via del Corso ( dalla ‘ corsa ‘ italiana che significa ‘ gara ‘) . Le gare hanno incluso non solo cavalli, ma anche gli ebrei ( costretti a correre dentro licenziamenti ) , nani , buffoni e asini , nulla per divertire la gente. In ogni caso , il più apprezzato è stato il ‘ Barberi ‘ corsa di cavalli , una gara tra i cavalli provenienti dal Nord Africa e per lo più appartenenti alle ricche famiglie romane . I cavalli correvano senza fantino in un modo molto pericoloso . Alla fine della strada , grandi tende sono stati collocati in modo da fermare la gara, e non i proprietari di cavalli li ha portati di nuovo alle stalle .

Questo spettacolo di carnevale è stata abolita nel 1883 dopo che un ragazzo è stato investito da uno di questi cavalli durante una gara , mentre la regina Margherita stava guardando .

Sotto Pio IX , nel 1854 , nel giorno dell’Epifania , via del Corso è stato illuminato per la prima volta con lampade a gas . Fu durante quel periodo che divenne il luogo dove tutti i nobili della città andarono a piedi con le loro carrozze . Di conseguenza sono stati aperti molti bei negozi , gioiellerie e librerie .

Nel 1900 , dopo l’assassinio del re Umberto I ( che è accaduto a Monza ) , è stato chiamato ‘ Corso Umberto I ‘ , poi nel 1944 , dopo che Vittorio Emanuele II ha dato i suoi diritti reali , è stato chiamato ‘ Corso del Popolo , ‘ ma due anni più tardi fu ribattezzata Via del Corso .

Oggi appartiene a 4 diversi ‘ Rioni ‘; solo il lato sinistro (a partire da piazza del Popolo ), della strada , dall’incrocio con via delle Muratte a Piazza Venezia , appartiene a ‘ Rione Trevi ‘

By Roberta Rossetti

Redazione Rome Central

About Redazione Rome Central

Rome central è un Magazine completamente no-profit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.