Risotto ai petali di rosa

Risotto ai petali di rosa x 2

4 cucchiai di petali di rosa biologici o del vostro giardino
250 gr riso carnaroli
1 cipolla media
4 cucchiai di olio evo
1 litro di brodo vegetale
½ bicchiere di vino bianco
40 gr burro
40 gr parmigiano reggiano

Procedimento

  1. Lavare tutti i petali in acqua fredda.
  2. Scegliere i petali per la decorazione finale, tamponare l’acqua in eccesso e conservarli in frigorifero.
  3. Mettere in infusione gli altri petali con acqua tiepida per almeno 20 minuti
  4. Tagliare finemente la cipolla
  5. Aggiungere l’acqua delle rose al brodo vegetale e portare il liquido ad ebollizione.
  6. In una pentola mettere l’olio e 20 grammi di burro con la cipolla.
  7. Appena la cipolla sarà dorata aggiungere il riso che deve brillare.
  8. Aggiungere il vino e continuare a girare finchè il vino non sarà sfumato completamente
  9. Aggiungere mestoli di brodo e farli assorbire al riso fino a 5 minuti dalla fase finale.
  10. Aggiungere al riso i petali e terminare la cottura del risotto con un altro mestolo di brodo.
  11. A cottura ultimata aggiungere parmigiano grattato e 20 gr di burro, coprire la pentola e lasciare mantecare il riso per almeno 3 minuti
  12. Mise en place con i petali freschi di decorazione.

Curiosità

La rosa nei vigneti è una tradizione antica. In gergo tecnico la rosa è definita pianta spia. Ovvero la rosa è una pianta che manifesta prima i sintomi di eventuali attacchi di patologie fitopatiche e fisiopatiche, presenza di parassiti, ma anche carenze minerali derivanti dal suolo. Un tempo, i vignaioli le piantavano nelle teste dei filari di vite per proteggere i loro vigneti, in quanto le rose fungevano da “sentinelle” essendo le prime ad essere colpite in caso di eventuali malattie. Ciò consentiva ai viticoltori di agire in modo tempestivo sul problema per prevenire i danni al raccolto. Le rose di conseguenza venivano messe in testa ai filari, principalmente per una questione di monitoraggio e controllo, in questo modo era più facile tenere sotto controllo i cicli biologici di insetti e funghi, attuando così la miglior difesa.

   link osservatorio nazionale vino e salute:
http://www.osservatoriovinoesalute.it/schede-sala-museale/102-le-rose-nelle-vigne.html

 

[yumprint-recipe id=’51’] 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.