Anfore e vino – una passeggiata intorno al Monte dei Cocci

Digital StillCameraSei mai stato ballare in un club alla moda che si trova in via di Monte Testaccio ? Se dovesse accadere , basta rimanere sobrio , perché vale la pena dare un’occhiata nelle vicinanze , come si esce discoteca al mattino presto . Probabilmente si rifiutano di credere che sia lo stesso posto della sera prima !Roma_Testaccio_monte_dei_cocci_051204-12-13

Nessun popolo più fresche in giro , ma il silenzio sotto un sole splendente . I club trasgressiva si dimostrano , ma piccole case rustiche costruite contro una verde collina .

Ora , avvicinarsi alla collina ” E scoprire molte schegge rosa che fa capolino attraverso l’erba . Riuscite a indovinare che cosa sono ” Frammenti di anfore romane ammucchiati lì in epoca augustea . Gli antichi romani riuniti tutti i pezzi di anfore importate dall’estero ( riempito con olio e vino) , per creare una sorta di terracotta discarica . 53 milioni di anfore si stima che siano stati rotti e sepolto per quasi 3 secoli , fino al 250 dC , quando il nuovo porto di Traiano ad Ostia ridotto il commercio verso il porto di Ripa Grande , sul lato sinistro del Tevere presso l’ inferiore del colle Aventino . Quei frammenti di ceramica sono il motivo per cui la collina era chiamato Monte dei Cocci ( Shards Hill) . Essendo alto 35 metri e con una circonferenza di 1 Km, rappresenta un enorme sito archeologico , purtroppo abbandonato e dimenticato fino al momento attuale .Roma_Plan

Tituli_picti_dresselCamminando per la strada vuota sarete stupiti quando ti rendi conto che ballato tutta la notte in una cantina scavata in quella collina . Le cantine cominciarono ad apparire qui nel XVII secolo , dal momento che si è rivelato essere il posto più cool per conservare il vino . Successivamente queste stanze trasformate in taverne e infine in ristoranti e locali notturni . E ‘ strano che l’alcol è stato ” in esecuzione” in quella strada per secoli !

È un dato di fatto , Testaccio è sempre stato il luogo di divertimento e di festa . Per esempio nel Medioevo , Eventi Carnevale e Ottobrata Romana sono stati celebrati nel punto verde intorno alla collina , dove il macello ( Mattatoio ) e molti altri edifici stanno oggi. Durante il Carnevale alcuni carri carichi di maiali e buoi sono stati gettati in discesa dalla cima del Monte dei Cocci . Giù nel prato giovani uomini erano in attesa per gli animali , le spade sguainate : il partito finì in una risata e sangue.

Come il cosiddetto ” Prato del Popolo Romano” ( prato del popolo romano ) era l’area dove le famiglie ei giovani usato per andare a mangiare , bere e ballare , è stato conservato come un luogo pubblico fin dai tempi antichi fino alla fine del 1800 , quando il quartiere è stato trasformato attraverso una massiccia urbanizzazione .Roma_Testaccio_1625

 Ora , non dimenticare la storia del Monte dei Cocci e dintorni , quando si vagare nel buio alla ricerca di una notte fredda di passare a Radio Londra , Alibi o Caffè Latino : lungi dall’essere un neonato posto la moda , il quartiere è stato , in realtà , la sempreverde e la parte più vivace della città per secoli . 

by Federica Gulizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.