La rete delle acque a Roma

Roma-parco_degli_acquedotti03L’abilità dei romani in ingegneria civile è una delle cose che hanno contribuito notevolmente alla creazione della loro civiltà e impero . Le loro strade, ponti , templi e grandi edifici pubblici ancora in piedi come testimonianza per loro grandezza , ma è il sistema romano di fornire acqua alle loro città che distingue i Romani come , civiltà moderna avanzata.

La fornitura di acqua è la prima questione critica in una comunità , ed i Romani risolto il problema di fornire chiamando i loro ingegneri civili per progettare e costruire una rete di distribuzione idrica centralizzata e sistema fognario per ogni città grande o città della Repubblica . Con il tempo della tarda Repubblica e il primo Impero ( 100 aC ‘ 50 AC ) , Roma poteva vantare un milione di abitanti e diverse città erano sede di diverse centinaia di migliaia di anime. La fornitura d’acqua alle città romane doveva fornire in modo affidabile un approvvigionamento continuo di acqua fresca e pulita in modo che queste città per sopravvivere. Allo stesso modo , un efficiente sistema fognario doveva essere in grado di portare via acque reflue provenienti da abitazioni ed edifici . In sostanza , il modo in cui i Romani erano in grado di fornire acqua per le loro città e causare le fontane nelle loro città di fluire continuo era quello di utilizzare un sistema di acquedotti con una pendenza costante ( pendenza) e un sistema di cisterne e collettori per contenere e distribuire il acqua . Gli acquedotti e gallerie attraverso le colline che sono sopravvissuti hanno sfumature che vanno da una goccia piede per 150 metri di lunghezza per una goccia piedi in circa 500 metri di lunghezza . L’ingegnere romano Vitruvio raccomanda una pendenza non inferiore a 1 su 200 .

Gli acquedotti di solito andavano in galleria quando una collina giaceva nella strada tra una città e una fonte d’acqua . Quando gli acquedotti attraversavano valli o luoghi bassi , sono stati costruiti sulla cima di strade rialzate ad arco (a volte , quando era necessario un altissimo acquedotto , c’erano tre corsi di archi , come il Pont du Gard nei pressi di Nimes , in Francia) .

Dopo che l’acqua aveva scorreva lungo l’acquedotto in città , era di solito indirizzato in un collettore , o grande serbatoio di distribuzione che alimenta diversi acquedotti di grandi dimensioni che portano fuori in diverse zone della città . Questa struttura è stata costruita con pareti in muratura e si trovava abbastanza lontano sopra il livello stradale a causare l’acqua a scorrere a un tasso ragionevole , per gravità , in città o rete idrica della città . Questi acquedotti erano tubi in lamiera di piombo o terracotta . Le fontane erano situati su molti angoli delle strade e l’acqua scorreva in loro per gravità . L’ acqua in eccesso dovrebbe scorrere giù in un altro set di tubi per alimentare altre fontane a livelli più bassi in tutta la città collinare di Roma . Infine , l’acqua potrebbe fluire dal l’ultimo di una catena di fontane nella cloaca , o in sistemi fognari della città che sarebbe poi scaricare in un fiume le acque reflue . Non era ‘ pratica ‘ Romani come la regina Cristina di Svezia notato nel tardo Seicento – per attivare le fontane fuori , anche se sapevano come costruire una valvola per controllare l’acqua .Rome.Porta_Maggiore

A Roma , gli acquedotti e le fontane che i Romani alimentati sono stati in uso per secoli . Molti di quelli in uso oggi sono stati costruiti dai Romani tra il 312 aC e il 200 dC . Il primo di undici antichi acquedotti di Roma è stato costruito dal censore Appio Claudio Cieco (lo stesso che ha costruito Via Appia ) nel 312 aC . Durante i tempi antichi, la città di Roma aveva tra i 1200 ei 1300 fontane pubbliche , undici su larga scala bagni pubblici , 867 bagni più piccoli , e due laghi artificiali utilizzati per le battaglie navali . La città undici acquedotti consegnati 38 milioni di litri d’acqua per la città ogni giorno .

Tutta la nostra conoscenza della storia degli acquedotti romani proveniva da un disco molto dettagliata della progettazione e costruzione di approvvigionamento idrico di Roma con il titolo De Aquae ductu Urbis Romae ( gli acquedotti del Comune di Roma) preparati ‘ circa il 97 AC – da Sesto Giulio Frontino , il ‘ curatore aquarum ‘ o città funzionario incaricato di approvvigionamento idrico .

  by Simona Nicolosi

Redazione Rome Central

About Redazione Rome Central

Rome central è un Magazine completamente no-profit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.