Carciofi, Olive e Capperi

Un contorno a base di carciofi. Questi spicchi di carciofi molto saporiti possono essere usati come contorno (accompagnamento di un piatto principale di carne o pesce ) o come antipasto per stuzzicare l’appetito.
Una delle prime volte che ho pubblicato questa ricetta con il nome di strappa mutande si è aperta sul web una finestra di dialogo molto divertente. Associare un vegetale seppur nobile come il carciofo e dalle mille proprietà con un cibo afrodisiaco ha scatenato gli utenti del web con i commenti più disparati. Ciascuno si è attribuito l’origine della ricetta dicendo che erano romani per la scelta del frutto o napoletani giustificando l’uso delle olive di gaeta …
Sono un piatto molto gustoso che richiede una certa perizia perché bisogna saper pulire bene i carciofi prima di ridurli in spicchi. La pulizia dei carciofi richiede abilità e velocità perché questa pianta privata della parte più dura tende ad ossidare trasformando il colore in nero sia sul frutto che sulle mani che vi sono state utili alla pulizia. Per ovviare all’annerimento è sufficiente mettere i carciofi puliti in una soluzione di acqua e limone o acqua e farina.
Prendete quindi i carciofi e mondateli delle foglie esterne, delle cime delle foglie riducendoli a rosetta e poi sezionateli a spicchi. I gambi più teneri si possono aggiungere alla preparazione dopo aver tolto la parte più dura e serviti insieme al resto in piccoli parallelepipedi.
Saltate in padella con una base di olio Evo , aglio in spicchi, acciughe, ed una manciata di capperi sotto sale a cui avete tolto il sale in eccesso e le olive(di Gaeta, taggiasche ..piccole e scure quelle che volete).

Su questa base aggiungete quindi gli spicchi di carciofo fate saltare ed aggiungete un bicchiere d’acqua calda in padella e coprite per perfezionare la cottura.
Dopo 20 minuti i carciofi saranno quasi cotti scoprite la padella alzate la fiamma e se vorrete riprodurre l’effetto strappamutande aggiungete il succo di mezzo limone. Il limone sbianca ed aggiunge quel tocco di acidità che rende unico questo piatto.
Alzando la fiamma andrà via il liquido in eccesso e vi ritroverete con gli spicchi separati e gustosissimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.