Varese in Danza

Varese è una città lombarda di circa 80.000 abitanti, caratterizzata dall’appellativo di Città giardino che deriva appunto dai numerosi parchi e giardini che si trovano nell’ambito del comune, in gran parte pertinenze di ville edificate tra il XVIII secolo e l’inizio del XX secolo, prima da famiglie di nobili e più recentemente da industriali e rappresentanti dell’alta borghesia, originari soprattutto di Milano.
Per la sessione fotografica come di consueto, ho raggiunto in treno Varese e la nostra bravissima modella Giorgia, poi dalla stazione per arrivare al centro città occorre una piacevole passeggiata di circa 15 minuti.
Purtroppo per motivi tecnici, abbiamo messo in conto di non potere utilizzare al meglio i tanti spazi verdi offerti dalla città, in quanto per le pose di danza con le punte si ha bisogno di un suolo solido su cui puntare i piedi, sia per eseguire una posa corretta sia per evitare di farsi male. Così ci siamo spostati verso il Corso Matteotti un ampio viale centrale, per l’occasione chiuso al traffico, con tanti luminosi negozi che lo costeggiano, ideale per una passeggiata di shopping domenicale o anche solo per un aperitivo all’aperto nei tanti bar disponibili.
Oltre al solito interesse per il nostro lavoro fotografico a Varese abbiamo trovato molte persone disponibili a dare un contributo per migliorare il lavoro, da chi ci regalava i palloncini colorati a chi per le fotografie si è reso disponibile a prestare il proprio cane o persino la propria bimba (bellissima).
E naturalmente l’edicola non ha potuto fare a meno di prestarci una rivista che abbiamo utilizzato con Giorgia per una simpatica fotografia.
Abbiamo quindi girato alcune vie caratteristiche del centro di Varese, come ad esempio Via Francesco del Cairo, piccola e stretta con particolari ciottoli al posto dell’asfalto e dopo qualche foto in una delle tante gallerie presenti lungo il corso Matteotti abbiamo intrapreso la strada del rientro verso la stazione.
Ci siamo ripromessi di organizzare una nuova sessione fotografica ad hoc per le ville del varesotto, così è chiamato l’hinterland della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.