Artista: le ceramiche creazioni di Michela di Paolo

michela-di-paoloEntrando in ristorante alla moda abbiamo seguito una bella esposizione di opere in ceramica e ferro d’arte, sia appeso che in piedi lungo le pareti. Siamo stati fortunati a venire oggi, perché il “antipasto” offre la possibilità di passeggiare per il ristorante, un bicchiere in una mano di, ammirando le opere originali.
michela-di-paolo_cristina07
Poi arriva, una giovane donna mediterranea vestita di bianco – l’artista che ha fatto tutto questo. Michela di Paolo ha raccolto alcune delle sue opere più significative qui, alcuni dei quali sono molto recenti.

Seguendo la sua persona attraverso le stanze, mentre parliamo delle sue opere in ceramica, è come pensare di nuovo su tutta una vita, per quanto giovane è. “Ogni opera d’arte è come un sentiero poco coperto”, spiega guardando un paio di opere che ora lei percepisce essere molto lontano dalla sua attuale vita emotiva. “Significano poco per me al momento, ma grazie a loro, ora sono quello che sono. Con il mio lavoro creativo spesso esorcizzo paura, quindi cresco un po ‘di più ogni volta.”

Le prime opere che mi mostra sono alcune lastre di terracotta inserite dietro una griglia di ferro.
“Puoi percepire il peso della materia” Metallo, terracotta, le cose primordiali detenute nelle tue mani “Mi piace ceramica perché ti dà la possibilità di immergere le mani nella terra.”
michela-di-paolo_01
Quando ci avviciniamo a un lavoro più recente , luce che emerge: lastre di vetro fuso posta sopra pietre di mare e pezzi di terracotta. “E’ la combinazione di materia e l’aria; l’unione di terra e cielo. Vetro Fragile è qui per proteggere la terra, per quanto strano possa sembrare. “

‘Cerase’ è un grande albero di ciliegio, dotato di uno scheletro di ferro in cui frutta e fiori di cristallo Svarowski sono stati cotti in argilla da appendere. L’albero si trova sul prato reale, che può (e dovrebbe) essere innaffiata pure. Sul prato, un pezzo di terracotta pone come un nuovo germoglio. ‘Mi sento come il nuovo albero nasce, generato da un seme di quello grande. Questo lavoro è nato come un ricordo di mio padre, con il quale sono andato raccogliendo ciliegie dagli alberi.

Mentre parla  tocca e scuote l’albero, e mi invita a fare lo stesso. Movimento prende una parte di rilievo nel suo lavoro, ‘Dal momento che conferisce al lavoro la possibilità di continuare a vivere. Le persone devono interagire con l’arte, è per questo che voglio gli oggetti da toccare. Ed è per questo che io preferisco le mie opere da appendere, dal momento che, dando vita al movimento e ombre, non sono destinati a ristagnare e morire ‘.

michela-di-paolo_02Quando chiedo Michela su quale materiale preferisce lavorare,  riversa una lunga lista: plastica, metallo, argilla, legno, rame, polistirolo, cuoio; lei usa spesso materiale di scarto a cui lei dà una nuova vita.
Se qualcuno le chiede il significato di un particolare lavoro, lei è abbastanza riluttante a rispondere. ‘A volte davvero non so cosa e perché sto creando. E ‘solo osservando e sentirlo. Una volta finito, posso iniziare a capire il significato ‘.

In attesa di una nuova mostra, (ha partecipato a diverse mostre e alcune delle sue opere sono state anche mostrato in Giappone) il suo lavoro può essere visto qui a ‘La Cucina’. Godetevi la serata gastronomica culturale!

by Federica Gulizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.