Emiliano Toso. Concerto a 432Hz L’Albero Della Musica Tour

Emiliano Toso 2022 Orto Botanico di Roma partecipanti che ascoltano sotto il pianoforte

Emiliano Toso descrive la sua musica come Translational Music. Si è esibito davanti a un pubblico tutto esaurito all’Orto Botanico di Roma insieme al suo pianoforte e a un dispositivo Plants Play. Le sue composizioni si abbinano senza sforzo allo splendido verde e al suono della natura. È un biologo cellulare, un musicista e compositore autodidatta e ha lavorato al fianco di noti scienziati e come Bruce Lipton e ha partecipato a conferenze internazionali con eminenti studiosi, medici e visionari come Gregg Braden, Dott. Franco Berrino, Deepak Chopra e molti altri.

Emiliano Toso 2022 Orto Botanico di Roma al concerto

Definisce Translational Music come il modo in cui traduce le sue emozioni a un livello cellulare profondo in uno superiore che è la musica. Ma non stupitevi se ai suoi concerti ci sono persone che ballano, piangono, si sdraiano o ballano: è giusto e consentito. Come è possibile, vi starete chiedendo?

In quest’ultima tournée con il suo ultimo album L’Albero della Musica, il pianoforte è accordato alla frequenza di 432Hz, invece dei 440Hz adottati come standard internazionale nel 1953. Egli afferma che “grazie alla risonanza, le vibrazioni si diffondono più rapidamente, universalmente e naturalmente fino a raggiungere altre cellule, altre persone, l’intera umanità. In questo modo portano benessere, migliorano la cooperazione e ci permettono di riconciliarci con la nostra Anima“. Esistono numerosi studi scientifici, facilmente reperibili online, che favoriscono la tesi dei 432Hz come benefici per la salute a tutti i livelli, come mente, corpo e spirito. La sua musica viene suonata in scuole, ospedali e centri benessere.

Intervista a Emiliano Toso, PhD: “Musica traslazionale: Un mare di cellule sotto un cielo di musica”.

Mi parli del titolo del suo nuovo album L’Albero della Musica?
In questi due anni mi sono connessa con la natura, vedo l’albero come la connessione tra il cielo e la terra, quindi questo CD contiene alcuni ingredienti particolari che non erano mai stati presenti nella mia musica come La Forza – la forza, il potere, la forza, il fuoco, la terra – perché la mia altra musica era più aria, acqua, cielo, nuvole, ed è per questo che a volte ho bisogno di stare a piedi nudi per rimanere a terra. Ma in questi due anni ho sentito il potere, ma la delicatezza e la dolcezza sono sempre nella mia musica, mi piace avere questa espressione femminile, ma in questo CD si sente molto forte il radicamento, le radici, la forza.

Plants Play

Plants Play è un dispositivo che permette di ascoltare la musica generata da piante e alberi.

Chi realizza l’artwork dei suoi album?
Mia madre. Per ogni canzone che compongo, mia madre la ascolta e la traduce in un acquerello.

Questo è molto toccante per me, perché posso vedere la mia musica. Non è una persona a caso, è mia madre, così quando vedo l’acquerello torno nel grembo di mia madre, riconosco la sensazione. Le persone possono vedere la musica prima di ascoltarla. Questo è bello.

Ci parli del click che è avvenuto quando aveva 40 anni?
Ero uno scienziato al 100% e nessuno sapeva che avevo un pianoforte, suonavo da solo chiuso nella mia stanza, trasferendo le mie emozioni al pianoforte e non volevo che nessuno ascoltasse la mia musica. A 40 anni ho deciso di farmi il miglior regalo per il mio compleanno. Dopo molti mesi, stavo uscendo dalla doccia, di solito sotto la doccia mi vengono delle idee, l’universo si connette. L’idea di avere un CD con le mie migliori composizioni mi faceva impazzire, ma non sapevo come iniziare e non avevo strumenti. Non ho mai studiato pianoforte, ho iniziato a suonare solo per gioco. In quel momento ho sentito il click dell’universo ed è stata una sinfonia di sincronicità.

Che cosa è successo?
L’universo mi ha dato tutti gli strumenti necessari per realizzare il CD, una villa con un auditorium in un posto tranquillo, un microfono, un buon pianoforte di cui ero felice perché quello che avevo era una semplice tastiera. Ho anche scoperto che mia madre sapeva tradurre la mia musica in dipinti. In quel periodo ho sentito che l’universo aveva deciso per me che dovevo fare il CD. Poi è arrivato un altro click quando ho deciso di regalare il CD agli invitati alla mia festa di compleanno, poi hanno iniziato a condividere il CD negli ospedali, nelle scuole, in un centro yoga, e il giorno dopo ho ricevuto un feedback sul fatto che la mia musica faceva bene anche ad altre persone che ne traevano beneficio a livello di benessere. In ospedale per alleviare il dolore, a scuola per aumentare l’attenzione, la memoria e la concentrazione, per il parto. Come scienziato ero molto curioso perché non avevo mai studiato l’effetto della musica sul nostro corpo e sulla nostra biologia. Sono stato invitato a tenere concerti in Canada, Spagna e Italia.

Translational Music è un mare di cellule sotto un cielo di musica. La maggior parte degli insegnamenti proviene dall’Universo. Il modo in cui la musica si è diffusa in tutto il mondo è stato un modo antico, da persona a persona. Come la luce si diffonde, così si diffonde questa musica, nessuno capisce come io possa vivere di questa musica senza usare i social media, senza agenzie, festival, ecc.

Qual è la cosa più importante che vuoi che la gente senta o sperimenti?
Mi piace che la gente si senta libera come io mi sento libero di suonare, non so mai cosa suonerò. Mi piace che la gente si senta libera di muoversi, libera di ascoltare come vuole, senza giudicare, senza dare imprinting. Non mi piace che la gente applauda. Mi piace il silenzio dopo la canzone, per sentire l’organismo che creeremo. Ognuno di noi è una cellula diversa, quindi siamo tutti diversi, come le diverse cellule del nostro corpo, cellule che stanno nascendo, morendo, giovani, vecchie. Il flusso della musica e della vita sono le cose più importanti che ci rendono vivi. Ad ogni concerto mi piace ascoltare il flusso per vedere quale sarà il miglior nutrimento per noi oggi.

Se potesse comporre con qualcuno, vivente o meno, chi sarebbe?
Non ci ho mai pensato. Ho composto una canzone con Ezio Bosso, un musicista disabile che è morto due anni fa. Quando è morto stavo vedendo un pianoforte e una specie di vento mi ha fatto suonare e mi sono sentito insieme a lui. Mi piace anche comporre quando vedo un ballerino che si muove, mi piace suonare guardando il movimento del ballerino. Mi piacciono le traduzioni, quindi traduco la danza in musica e la musica in danza. Lo stesso vale per gli acquerelli.

Sta lavorando a un nuovo progetto?
Sto scrivendo un libro che uscirà a ottobre. Descrivo i miei due modi di crescere. Il primo modo era quello di crescere e se sei bravo hai successo, ho trovato un lavoro come scienziato che mi piaceva molto, questo era istituzionale. L’altro modo è stato quello selvaggio, della musica, perché non ho mai studiato musica e quindi ho capito da solo come avvicinarmi a un pianoforte. Amo il mio pianoforte, quindi non ho la parte tecnica, ma compongo a modo mio e ora insegno a musicisti professionisti a suonare a modo mio. Non si tratta di esibire, ma di condividere. Non si tratta di giudicare, se a qualcuno piace ballare, a qualcuno piace piangere. Mi piace anche che le persone sotto il pianoforte abbiano una prospettiva di ascolto diversa.

Uno dei miei sogni ora è suonare insieme ai delfini nel mare selvaggio.

Come lo farà?
Lo farò nel sud dell’Italia. La mia collaboratrice Daniela Faieta ci sta lavorando.

Tornerà a Roma quest’anno?
Sarò di nuovo qui il 3 agosto 2022 con Daniela Lucangeli, PhD, docente di Psicologia dello Sviluppo Neurocognitivo all’Università di Padova. Poiché stiamo per rivoluzionare la scuola in Italia, lei è coinvolta con il Governo e io la sto aiutando a portare il valore della cooperazione, a creare scuole che siano nella natura dei bambini, dove la scuola sia conforme alla natura dei bambini e non il contrario.
Saremo a Villa dei Talenti.  Ci saranno una conferenza e un concerto.

Villa dei Talenti
Via Umberto Fracchia, 8, 00137 Roma RM
https://villatalentisportenatura.it/

Trovate i suoi prossimi eventi su https://www.emilianotoso.com/event-directory/

4 comments to “Emiliano Toso. Concerto a 432Hz L’Albero Della Musica Tour”
  1. La musica è la terapia più potente in natura secondo me, e farla in armonia con la natura stessa, la rende ancora più magica e ancora più potente. Complimenti davvero!

  2. Sou terapeuta holística aqui em Curitiba Paraná Brasil país italianos doppia cittadinanza italiana do veneto amei este trabalho tão generoso superei a
    Quarentena com música

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.