Fabio Strinati, lungo la strada un cammino

Luoghi, paesi, strade che nascono nel punto in cui il destino di ogni parola svanisce sulla punta della penna. Sensazioni che si assopiscono, pensieri che prendono forma e vita, attraverso il respirare del suono profondo che oltrepassa il meccanismo astratto del linguaggio poetico, lungo un percorso costruito minuziosamente, sulle orme di un poeta errante. Lungo la strada un cammino,è un percorso di vita suddiviso in piccoli frammenti organizzati in viaggi che nascono da un’esperienza all’interno di un vissuto eterogeneo; un sentiero pregno di sentimenti liberi, che si apprestano a volare alti, liberi e fecondi.


All’interno della raccolta poetica, numerosi componimenti dedicati a paesi e luoghi della provincia di Roma, come Nettuno e Civitavecchia, scritti da Fabio Strinati durante un lungo viaggio nel cuore della regione Lazio.

Fabio Strinati è un poeta sardo- marchigiano scrittore di viaggio che racconta quasi di getto che prende per mano storie in dimensione lontana e assai distante dal pensiero comune. Il libro “Lungo la strada un cammino” è pubblicato con Transeuropa Edizioni, un diario di bordo che racconta esperienze raccontate dallo scrittore e poeta di Esanatoglia (attraverso un viaggio che sembra non avere fine né ritorno)…

Intervista a Fabio Strinati

1) Raccontaci della tua passione per la scrittura e quando hai deciso di pubblicare e
perché?
– La mia passione per la scrittura nasce nel lontano 2007, durante un’estate molto afosa che
per varie ragioni, mi stava letteralmente avvolgendo dalla malinconia. Ricordo che iniziai
a scrivere, così, di getto sulla superficie rovinata di un biglietto di carta che avevo riposto
in un cassetto nel camper; lì per lì, sembravano frasi e pensieri sconnessi, ma in realtà
stavo già tracciando le principali basi per quello che sarebbe poi diventato il mio primo
lavoro poetico: Pensieri nello scrigno. Nelle spighe di grano è il ritmo, pubblicato nel
2014.

2) Quale è il tuo rapporto artistico e personale con l’Italia?
– Un rapporto forte, speciale, indissolubile: amo l’Italia sotto ogni punto di vista e con un
pizzico di presunzione, posso affermare che… sono molto attratto anche dai suoi molteplici
difetti!

3) Hai abitato in un piccolo centro urbano alle porte di Roma, raccontaci delle esperienze e di come si
vive in provincia in Italia.
– In realtà, abito nelle Marche, ad Esanatoglia, un piccolo paese della provincia di
Macerata. Ma poi, per ragioni di studio (da autodidatta), ho vissuto lunghi momenti della
mia vita a Tivoli, Zagarolo, Nettuno, Frascati e molti altri luoghi alle porte di Roma, che io
considero senza mezzi termini, la città più affascinante del Pianeta Terra. Devo ammettere
che in provincia si vive bene: aria salutare, cibo impeccabile e a tratti, un silenzio che
incute quasi un pizzico di allerta!

 

4) Quale è il tuo rapporto artistico e personale con le grandi città come ad esempio Roma?
Un rapporto prolifico, forte, fecondo: mi piace curiosare tra un vicolo e l’altro, annusare i
muri, capire cosa si cela dietro a una parete e percepire con la massima attenzione, il cuore
pulsante della città che vive e procrea.

5) Esattamente di che parla il tuo libro e cosa vorresti fosse trasmesso ai tuoi lettori?
Lungo la strada un cammino, è un libro che narra la storia di un poeta che vive all’interno
di una solitudine maledettamente stratificata. Un diario concepito attraverso l’utilizzo della
strada, del sentiero polveroso; tra una poesia e l’altra, s’incuneano vicende che nascono da
un’esigenza genuina, ovvero, quella parte di me miscelata col chiaroscuro della vita, che
vuol vivere la libertà feconda, con gli occhi aperti, sulle varie finestre spalancate per il
mondo.

6) puoi citare una pagina/ frase del libro che ritieni particolarmente importante?
“stretto da un giorno senza sigla/ ricordo i sillabari in un taccuino/ inchinato al vento, gli
acquari/ nitidi in parole portuali/ Porta Livorno calma stilla d’acqua/ velata da una trama
etrusca/ genuino l’abito cupìdo e portuale!”.
(Lungo la strada un cammino, Civitavecchia, pagina 31).

 

About Igor Wolfango Schiaroli

Igor W. Schiarioli si occupa di editoria, scienze e tecnologie. Esperto di "new media" è specialista e appassionato di economia, tecnologie, internet, editoria e nuovi media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.