La storia della danza

La danza è la prima espressione artistica del genere umano perché ha come me zzo di espression eil corpo. Tutte le altre arti infatti prevedono l’uso di oggetti che fungono da strumenti, ad eccezione del canto che, come la danza, si avvale di uno strumento corporeo.
La danza è parte integrante dei rituali, è forma di preghiera, è momento di aggregazione  dellacollettività nelle feste popolari e occasione di aggregazione tra le persone in generale.
La danza accompagna la storia della civiltà umana a partire dall’epoca preistorica fino alconsoli damento delle prime civiltà stanziali acquistando un ruolo rilevante soprattutto in Grecia.
Verso la fine del secolo XIV in tutta Europa si diffuse la danza macabra, praticata nei pressi deicimiteri tanto dal popolo che dai nobili.
Durante il Rinascimento nel le corti italiane si sviluppo una forma ricercata di ballo che preved evanorme da seguire e un certo studio di passi e movimenti. La danza infatti era ritenuta una vera epropria forma di educazione.
Nel 1581 presso la corte di Francia nacque il primo  balletto della storia, il Ballet Comique de laReine composto di brani recitati, danzati e cantati.
Ma solo nella seconda metà del XVII secolo in Francia, da Luigi XIV, che  amava molto  danzare efu chiamato “Re Sole” nasce Acàdemie Royale de Danse in seno all’Acàdemie de Musique,istituzioni preposte alla definizione delle regole inerenti a queste arti.
Con la costituzione dell’Accademia francese prese avvio la danza class ica, detta anche accadem icaperché la sua caratteristica è quella di dipendendere da norme codificate. Per questo motivo laterminologia del balletto classico è universalmente in lingua francese.
In Settecento il pensiero illuministico spingeva verso la natura, l’abbandono dell’artificio, lari cerca degli aspetti più genuini, il ritorno dell’umanità alla sua essenza, non condizionata dalla civiltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.