L’OBIETTIVO SENSIBILE DI MAPPLETHORPE

Ha aperto, giovedì 14 marzo alla Galleria Corsini di Roma, la mostra fotografica “Robert Mapplethorpe. L’obiettivo sensibile”, a cura di Flaminia Gennari Santori. Una selezione di 45 opere, in omaggio al maestro statunitense nel trentesimo anniversario della sua morte (1946 — 1989).

La rassegna si aggiunge alle retrospettive in corso a lui dedicate al Guggenheim di New York e al Museo Madre di Napoli. Il connubio fra la sede museale, una galleria d’arte rinascimentale e barocca, e la forma artistica celebrata dalla sensibilità spiccatamente classica, innesca una relazione inedita tra i visitatori, le opere e gli ambienti della Galleria. Questa è la prima volta che le fotografie di Mapplethorpe vengono esposte nel contesto di una quadreria al fianco di pitture e sculture storiche, sorprendentemente affini per contenuto e forma.

ARTE CLASSICA E CONTEMPORANEA

Le opere esposte si concentrano su temi come lo studio delle nature morte, dei paesaggi, della statuaria classica e della composizione rinascimentale. Mapplethorpe, controverso e rivoluzionario artista del secondo ‘900, cercava la “Perfezione nella forma” e nella bellezza. La composizione rinascimentale di elementi contemporanei era uno dei suoi punti di riferimento, dove simmetria, luce e armonia prevalgono sul soggetto. Una contraddizione solo apparente, un intreccio tra passato e presente che lascia spaesati, per poi suscitare inaspettate connessioni.

COLLEZIONISMO FOTOGRAFICO

La scelta della curatrice di fare una mostra su Robert Mapplethorpe è ispirata alla pratica collezionistica dell’artista, avido raccoglitore di fotografie storiche, passione che condivideva con il compagno Sam Wagstaff, la cui collezione costituisce un fondo straordinario del dipartimento di fotografia del Getty Museum.

L’artista è particolarmente noto in tutto il mondo per le foto realizzate in studio, ritratti di celebrità tra cui Andy Warhol, Deborah Harry, Patti Smith e Amanda Lear: soggetti sadomaso e studi di nudo spesso maschili e omoerotici, con le notevoli eccezioni della serie di nudo femminile della culturista Lisa Lyon.

INFORMAZIONI
MOSTRA: Robert Mapplethorpe. L’obiettivo sensibile
CURATORE: Flaminia Gennari Santori
SEDE: Roma, Galleria Corsini, via della Lungara, 10
APERTURA AL PUBBLICO: 15 marzo – 30 giugno 2019
ORARI: mercoledì/lunedì 8.30- 19.00. La biglietteria chiude alle 18.30
GIORNI DI CHIUSURA: martedì
BIGLIETTO BARBERINI CORSINI: Intero 12 € – Ridotto 6 €
Valido per 10 giorni in entrambe le sedi del Museo: Palazzo Barberini e Galleria Corsini.

https://www.barberinicorsini.org/ 

http://www.mapplethorpe.org/

Facebook: @BarberiniCorsini
Twitter: @BarberiniCorsin
Instagram: @BarberiniCorsini
Condividi con: #MapplethorpeaCorsini

Elena Cattaneo

About Elena Cattaneo

Elena Cattaneo, cremonese di nascita e romana di adozione, vive questa città anche dopo diversi anni con la curiosità e la sorpresa di una turista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.