Orchestra di Piazza Vittorio : World of Music

mario_tronco01

mariotroncoA Piazza Vittorio nei portici, in mezzo alla moltitudine dei numerosi gruppi etnici che vivono in questa zona della città e la mania dei numerosi negozi, abbiamo incontrato Mario Tronco, direttore e creatore di una delle più interessanti realtà multietniche del momento, l’ Orchestra di Piazza Vittorio. questo è il più grande complesso multi etnico europeo composto da 15 musicisti, 11 paesi, 3 continenti e 8 lingue.

Mario ci ha accolto, durante una pausa nelle prove della band nella sua grande casa, al secondo piano; l’ambiente è pieno di musica proveniente dall’interno della casa e dalla strada. Sporgendosi dalla finestra, infatti, si può sentire tutti i diversi suoni provenienti dalla vivace microcosmo in piazza.
Da quale idea è nato il ‘Orchestra di piazza Vittorio’?
L’idea è naturalmente nasce dal colore della tua pelle, quando si vive in un posto del genere. Quello che è veramente sorprendente è la moltitudine di lingue, suoni e colori che vivono insieme e che rappresentano una possibilità di convivenza pacifica che fino ad ora avviene solo in contesti di lavoro, ma speriamo si estenderà ad altri. Quando si va al mercato durante il giorno, sembra che la convivenza potrebbe essere possibile, ma durante la notte, quando la piazza diventa oscura e silenziosa, poi tutto sembra essere impossibile. Questa contraddizione per me è un grande stimolo sociale e musicale, e il progetto è nato proprio da qui. E ‘una vera sfida!
mario_tronco_orchestra

Photo from www.orchestradipiazzavittorio.it

E’ stato difficile mettere insieme la band?

La prima fase era davvero difficile e scoraggiante, perché all’inizio non abbiamo avuto alcun termine, né poteva proponiamo uno ai musicisti. Durante i primi sei mesi ero occupato spiegare il progetto ai musicisti, ho anche provato a ‘vendere’ il nome degli Avion Travel (il gruppo italiano storico Mario Tronco), ma i risultati non erano entusiasmante, abbiamo anche cercato di trovare musicisti attraverso diversi canali: giornali, volantini e internet con gli stessi scarsi risultati. Dobbiamo ringraziare Agostino Ferrente, presidente dell’associazione Apollo 11, ha creduto nel progetto fin dal suo inizio e ha sostenuto con entusiasmo. Senza di lui l’Orchestra non esisterebbe, perché io sono, come ogni uomo da Caserta, molto pigro, e avrei rinunciato. Per caso una sera, durante una cena informale, abbiamo incontrato uno degli organizzatori RomaEuropa Festival, Monique Veaute, e lei è stata così gentile da offrirci uno spettacolo al suo festival. Questo fatto ci ha dato una grande spinta. Ho scritto la musica e finalmente abbiamo potuto offrire qualcosa di concreto per i musicisti.

 

mario_tronco_orchestra01

Photo from www.orchestradipiazzavittorio.it

Qual è stata la loro reazione in merito, infine, la riproduzione di un evento importante insieme?

Appena ho avuto una data e un budget per le prove, tutti loro sono rimasti sorpresi. Poi mi sono reso conto che per i musicisti stranieri che non era automatico da pagare per le prove. In realtà non sono abituati ad essere trattati come musicisti professionisti, questo è il dato di fatto! Una volta che la musica è stata composta, sono stato in grado di pensare a che tipo di musicisti di cui avevo bisogno e la ricerca questa volta era molto più facile.

Musicalmente parlando, ha di fatto la sua idea ha interessato i musicisti stranieri?

Sì, lo ha fatto. All’inizio non hanno capito il graticcio di musica e tonalità, tutti riconobbero pezzi provenienti dalla sua terra e all’inizio c’era anche un po ‘di gelosia, come se si sentivano usurpati delle loro origini, poi tutti capito l’idea del progettare e ci è piaciuto molto. Soprattutto quando abbiamo iniziato a suonare dal vivo, e per la prima volta tutti erano faccia a faccia con tanti strumenti diversi. I risultati sono stati emozionanti.

Fate prove in sala regolarmente?

No, l’Orchestra è completamente autogestito, proviamo insieme viviamo solo un paio di volte, e abbiamo improvvisato molto

Dal momento che il tuo primo CD è in vendita?

Il CD contiene 10 pezzi ho composto con altri musicisti dell’orchestra. Ho anche mescolato canzoni del gruppo Avion Travel; Ho cercato di mettere insieme diversi suoni e melodie. In ogni caso, ogni volta che si esibiscono dal vivo il risultato è diverso; c’è un sacco di improvvisazione, un pezzo può durare sette minuti, ma durante una performance può durare 20 minuti. Tutti i musicisti sono molto divertito dai cambiamenti che facciamo durante ogni performance.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

C’è un grande progetto per il 2006 insieme con il viaggio Avion per il centenario della Cgil (Confederazione Italiana Lavoratori Generale). Stiamo lavorando su un progetto su canzoni politiche e di lavoro e l’idea è molto stimolante per noi.

 

di Valentina Schiaroli

Redazione Rome Central

About Redazione Rome Central

Rome central è un Magazine completamente no-profit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.