READY PLAYER ONE. LA RECENSIONE

Spesso il cinema attinge da libri cult, lasciando l’appassionato interdetto (perchè i tempi del cinema sono molto più serrati di quelli a disposizione di uno scrittore), ma quando il libro è un omaggio al mondo nerd e le mani a cui è affidato sono quelle di Steven Spielberg (cioè lo zio putativo di ogni Nerd che si rispetti) con la collaborazione dell’autore stesso alla sceneggiatura, il risultato cambia e si può perdonare anche qualche piccola sbavatura.

In un futuro distopico, dove la maggior parte delle persone fugge ad una realtà triste e soffocante. la risposta ad ogni problema sembra essere OASIS, un mondo virtuale creato da James Halliday (Mark Rylance) la perfetta incarnazione del genio programmatore con gravissimi problemi di interazione sociale.
Alla sua scomparsa era cominciata una sfida, chi avesse superato tre prove, all’apparenza impossibili, sarebbe diventato il legale proprietario di Oasis (il business numero uno al mondo).
Il resto è un film pieno di azione, dove lo spettatore viene rapito tra scene d’azione esagerate e centiania di riferimenti e citazioni (e andate in gruppo si scatenerà sicuramente la sfida a chi ne indovina di più) con protagonisti  5 ragazzi (ognuno celato dietro un avatar che rappresenta i suoi timori esistenziali) ed un finale unico e magari un pò utopico.
Se a questo punto della lettura non avete ancora preso le chiavi della macchina per recarvi al cinema..beh vi state perdendo un fim che rende “poveri” tutti i vari film sui supereroi esaltati in questi ultimi anni.

READY PLAYER ONE. il film

DATA USCITA: 28 marzo 2018
GENERE: Azione, Thriller, Fantascienza
ANNO: 2018
REGIA: Steven Spielberg
ATTORI: Tye Sheridan, Olivia Cooke, Simon Pegg, Mark Rylance, Hannah John-Kamen, T.J. Miller, Ben Mendelsohn, Julia Nickson, Lena Waithe, Win Morisaki, Philip Zhao
PAESE: USA
DURATA: 140 Min
FORMATO: 3D e 2D
DISTRIBUZIONE: Warner Bros.

LA TRAMA
“Nel 2045 la Terra è un pianeta sovrappopolato e inquinato, in cui la maggior parte degli individui vive in stato di indigenza e le fonti energetiche sono quasi del tutto esaurite. L’unico svago per le persone comuni è OASIS, un mondo virtuale ideato dal programmatore James Halliday a cui si può accedere gratuitamente grazie a un semplice visore e a un paio di guanti aptici. Alla morte di Halliday si scopre che ha lasciato in eredità il suo mondo virtuale (che vale miliardi di dollari) alla prima persona che riuscirà a risolvere una serie di Easter Eggs nell’universo di OASIS. Milioni di persone (soprannominati Gunter) decidono di cimentarsi nell’impresa, e fra questi c’è Wade Owen Watts, un diciottenne nerd sovrappeso appassionato di videogames, giochi di ruolo e della cultura degli anni ottanta in generale. Wade ha un vantaggio rispetto a molti Gunter : è cresciuto nel mito di Halliday, conosce tutto della sua vita e dei suoi gusti personali, e questo potrebbe rappresentare un grosso vantaggio per la risoluzione degli intricati enigmi. Ma l’opportunità di mettere le mani su OASIS ha attirato anche la IOI, una potente multinazionale pronta a tutto pur di vincere la sfida.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.