Un “giardino del cuore sereno”, in provincia di Rieti

Santacittarama-Monastero-Buddhista_2AJAHN CHAH nasce il 17 giugno 1918 da una famiglia agiata e numerosa in un villaggio rurale della Thailandia nordorientale, è deceduto dopo una lunga malattia il 16 gennaio 1992. E’ stato uno dei massimi esponenti della tradizione buddhista theravada della foresta. Ha intrapreso gli studi religiosi giovanissimo e a vent’anni ha preso gli ordini monastici iniziando la pratica della meditazione sotto la guida dei grandi maestri della foresta. Per molti anni ha vissuto come asceta, dormendo in foreste e caverne e nei luoghi di cremazione e, infine, si è stabilito in un boschetto accanto al villaggio natale, raccogliendo presto intorno a sé numerosissimi discepoli. Grande maestro e meditante, fu l’ispiratore di un vitale comunità monastica che si è diffusa dalla Thailandia in Inghilterra, America, Australia, Nuova Zelanda, Svizzera e Italia. (http://www.ajahnchah.org/).
SANTACITTARAMA_monastero-buddhista
In Italia viene fondato, nel 1990, il Monastero Santacittarama (Il giardino del cuore sereno). E’ il primo – e oggi ancora l’unico nel nostro paese – di tradizione Theravada, del buddismo più antico. Il termine pali theravada significa difatti insegnamento degli anziani.
L’associazione Santacittarama viene riconosciuta nel 1995 come Ente Religioso ed è membro dell’Unione Buddhista Italiana.
Il monastero, ubicato in Sabina, una bioregione laziale famosa per la qualità del suo olio d’oliva, è aperto a chiunque abbia voglia di fare una visita.
Si può anche rimanere a dormire ma non è consigliato, per chi è alla prima esperienza, trattenersi più di 5 giorni.
L’atmosfera è placidamente comunitaria, pur in presenza di alcune regole che viene del tutto spontaneo rispettare.


I monaci theravada sono fortemente vincolati, dalla loro regola, alla società laica; da “mendicanti” non possono maneggiare soldi, coltivare la terra, cucinare e devono anche astenersi dal toccare il cibo che non venga dato loro, liberamente, in offerta. Di conseguenza al Santacittarama c’è sempre un certo, pur discreto, movimento.
Ci sono alcuni laici che si preoccupano, quotidianamente, degli aspetti pratici e materiali della vita del monastero e dunque cucinano, offrono il cibo ai monaci e poi rassettano ed altri che vanno in visita, portano degli alimenti in offerta e si adoperano nei diversi mestieri domestici ed in giardino.
Al Santacittarama si ha modo di conoscere persone interessanti e addirittura di divertirsi (suona strano in un monastero) perchè Ajahn Chanda Palo (l’abate) ed anche altri monaci hanno raggiunto un tale distacco dalle beghe quotidiane da sviluppare uno splendido senso dell’umorismo.
Al momento vivono stabilmente al monastero una decina di persone tra monaci e novizi (anagarika). Il giardino del cuore sereno è anche un punto di riferimento per associazioni , le principali sono Saddha  e l’AMECO –Associazione per la Meditazione di Consapevolezza e gruppi di meditazione in Italia.

Santacittarama_Monastero-Buddhista_Rieti_mapL’indirizzo postale:

Santacittarama Monastero Buddhista

Località Brulla

02030 Poggio Nativo (RI), Italy.

>> google map <<

Tel: (+39) 0765 872 528 (durante periodi di ritiro: 07:30-08:30, altrimenti martedì-domenica, 08:00-10:30)

Fax: (+39) 06 233 238 629

Email: sangha@santacittarama.org

Come arrivare

In macchina: Lasciare l’autostrada A1 all’uscita Fiano Romano (Roma nord) e prendere la Via Salaria (SS4) seguendo tutte le indicazioni per Rieti. Ad Osteria Nuova, dopo l’indicazione del 52° Km, uscire a destra e girare a sinistra sopra il cavalcavia, in direzione di Frasso Sabino. Dopo circa 300 metri prendere la strada sulla sinistra al grande casale di pietra (‘La Grotta dei Massacci’) e girare subito a destra seguendo la strada che va dietro il campo boario. Passato un cabina metano sulla destra prendere la stradina a sinistra e continuare fino al Santacittarama. mezzi pubblici: Dalla Stazione Tiburtina di Roma partono regolarmente pullman per Rieti. Scendere dopo il cartello di Osteria Nuova, appena prima del 53°km, attraversare la strada e camminare nella direzione di Frasso Sabino, seguendo le istruzioni riportate nel paragrafo precedente. Ci vogliono circa 20 minuti per arrivare a piedi e l’ultimo tratto della strada non è asfaltato così non conviene avere una valigia con rotelle che non sia anche facilmente trasportabile.
La  Domenica non ci sono autobus diretti, ma è necessario prendere il treno da Roma Tiburtina a Fara Sabina-Passo Corese per poi cambiare e prendere l’autobus per Rieti e scendere ad Osteria Nuova. Per maggiori dettagli vedi: www.cotralspa.it.
Per maggiori informazioni visitare il sito http://santacittarama.altervista.org.

 [codepeople-post-map]

One comment to “Un “giardino del cuore sereno”, in provincia di Rieti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.