Calzature oggetti significativi e intriganti del desiderio

PrintLe scarpe sono l’unico accessorio senza il quale  non si può uscire di casa” Patrick Cox , 1997

 
Tutte le scarpe , soprattutto in quei casi in cui la creatività entra in gioco , sono di per sé piccole opere d’arte . Ma a volte queste ” icone di stile ” sono spesso diventati , soprattutto negli ultimi anni , l’ispirazione e soggetto di dipinti e sculture e, soprattutto , protagonista di una serie di importanti opere di pop art . Non dimenticate che Warhol era iniziato come un designer di scarpe .

Se le scarpe , come il cappuccio , non fa il monaco , di certo forniscono importanti indicazioni riguardanti la persona che li indossa : i suoi sentimenti , il suo spirito e il suo stile e il gusto . Forma, divertimento e seduzione , archetipo e oggetti di uso quotidiano : sono questi alcuni dei significati suggestivi di calzature .

 

In Italia il gusto e l’utilizzo del lusso , in quanto legato alle scarpe , è stata tramandata da Salvatore Ferragamo , un giovane calzolaio italiano . Quando emigrò a Boston nel 1914 , ha preso la lavorazione artigianale di calzature da donna in America . Deluso dalla produzione di scarpe da macchine , adottata dagli americani , è diventato un produttore di prop e fatto le scarpe a mano per i film in California . Divenne rapidamente popolare e quando tornò in Italia nel 1927 , i suoi clienti celebri rimase fedele . Nel 1930 , ha fatto la piattaforma scarpa sughero che rimaneva di moda per più di 10 anni .

 

All’inizio del 1940 le calzature è entrato in un’era di grande splendore , passando da un semplice accessorio a vero protagonista della moda . Una nuova professione è nato, quello del designer che , se già coinvolti in Haute Couture o esclusivamente occupato nella creazione di calzature, completamente rivoluzionato il concetto di stile per le loro creazioni alcuni degli oggetti più significativi e intriganti del desiderio della nostra epoca .

 

Nel 1951 , calzolaio italiano Giovanni Battista Giorgini , ha organizzato la prima ‘ sfilata ” per mostrare il talento dei designer di scarpe italiani e ai produttori di un piccolo gruppo di addetti ai lavori Il display commercio immediatamente portato due designer di scarpe italiane per l’attenzione del mondo : . Mario Valentino e Capucci . Valentino ha anche fatto le scarpe per Jacqueline Kennedy . Sorelle Fontana è venuto su con spillo delle signore pompa di golf il cui tacco era un minuscolo globo . nel frattempo , la stampa specializzata è andato in affari , contribuendo alla promozione della moda ‘Made in Italia ‘ tutto il mondo .

 

Oggi , a Testaccio , Antonio Aglietti continua questa avventura con tecniche moderne e , immaginazione , quasi l’intera gamma di materiali disponibili per il calzolaio fatto su misura . Lui è un designer che dà arte e di culto alle calzature , e percorsi di carriera di grafico per l’alta moda . Entrando negozio del signor Aglietti significa avvicinarsi un atelier di creatività e di venire in contatto con un self-made man capace di credere nei suoi sogni e disegni. Quadri colorati sulle pareti ingiallite e un divano moderno e confortevole rosso accolgono gli ospiti . Varie forme di scarpe , sia per gli uomini e le donne sono mostrati in vetrina , dietro il municipio . Sembra che il suo laboratorio nascosto è piena di strumenti del mestiere .

 

Quando hai iniziato la tua carriera come disegnatore di calzature ‘

Nel 1983 , ho ricevuto una laurea presso l ‘ Istituto Internazionale della Calzatura ‘ a ​​Milano e subito dopo , entrai progettare il ‘ Stilisti Associazione Italiana ‘ per calzaturifici a Milano . Ma ho anche iniziato ad andare in giro a studiare e visitare tutti i laboratori più importanti del nord per scoprire le antiche tecniche tradizionali e per conoscere meglio i ” trucchi del mestiere ” . Inoltre , sono profondamente legato all’idea del ‘workshop’ che mi ricorda di quando mio padre lavorava come calzolaio nel suo negozio . Dopo un sacco di esperienza , ho cominciato dedicandomi al ‘ workshop’ senza rinunciare collaborazione e offrendo i miei disegni ad alcuni calzaturifici , nonché a riviste specializzate ed editori .

 

Fa questa attività si prende un sacco di tempo ‘

Mi capita di lavorare molto, come 14 o 15 ore al giorno , ma sono felice . Tutto ciò che è legato all’idea della creazione , capacità artistica e la fantasia mi fanno affascinano , questa passione mi dà la forza di superare tutte le difficoltà .

 

Come si fa a fare le scarpe ‘

Ha bisogno di 200 diverse fasi per creare una scarpa fatta a mano . Ogni fase richiede tempo per essere completata . Ad esempio, per ottenere una mano – lucidatura di alta qualità richiede almeno 3 giorni . Io uso ‘ tecnologia ‘ per alcuni processi solo quando sono sicuro che non compromette il risultato finale . Altrimenti mi faccio le scarpe utilizzando le tecniche tradizionali che risalgono a 100 anni . Voglio che le mie scarpe siano un prodotto con il marchio della migliore qualità e per durare una vita intera .

 

Che cosa circa la vostra scarpa -style ‘

Beh , io tendo a mantenere certe proporzioni classiche insieme ad una costante ricerca e lo studio di materiali e colori diversi.

 

Che dire donne e le reazioni degli uomini alle vostre scarpe ‘

Le donne prestare maggiore attenzione alle qualità estetiche delle scarpe , diciamo al prodotto finale , mentre gli uomini sono interessati e curiosi di conoscere il modo in cui le scarpe sono fatte .

 

Quali sono i tuoi progetti per il futuro ‘

Hai bisogno di un sacco di abilità e attitudine a fare una cosa del genere ed è molto difficile trovare un buon apprendista . Tutto questo mi ha dato l’idea di aprire il mio atelier per dare ai giovani la possibilità di imparare a fare le scarpe secondo gli antichi criteri di un workshop .

 

Buona fortuna Antonio Aglietti !

 

Per informazioni :

Antonio Aglietti

Via Branca , 47

Numero di telefono : 0657300399

Aperto : 09:30 ‘ 13:00 / 04:00 ‘ 20:00 , il Venerdì fino alle 11 ‘ Chiuso il Lunedi

 

curiosità

Secondo gli storici , i primi pattini sono stati tagliati per adattarsi a sinistra e piede destro , che ha un senso visto che erano tutti su misura . A metà del 1500 , ciabattini cominciato a fare suole nella stessa forma per entrambi i piedi . Questi sono stati chiamati ‘ rettilinei . Essi non cominciare a fare sinistre e dei diritti di nuovo fino alla metà del 1800 . Questo iato 300 anni si è concluso a causa di vanità o , più precisamente , l’invenzione di tacchi alti di solito attribuite a Caterina de ‘Medici .

 

Caterina si recò a Parigi per sposare il futuro Enrico II di Francia . Essere petite , aveva diverse paia di scarpe col tacco alto progettato da un calzolaio italiano per farla sembrare più alta . Lo stile ha preso la corte francese dalla tempesta e presto si diffuse attraverso l’aristocrazia europea , tanto che i servi dovevano aiutarlo a camminare !

 

Ma calzolai non potevano produrre le enormi quantità di forme necessaria tornita a mano in legno di inarcare la suola di un tacco e poi a plasmare ogni durano per un piede destro e sinistro . La scelta tra comfort e moda era evidente , e la società ha optato per queste ultime : tacchi su scarpe che non sono stati modellati , ma diritte .

by A. P. Iapadre and Alessia Angeli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.